150° Anniversario della Nascita

Leone Sinigaglia

Torino, 14 agosto 1868 - Torino, 16 maggio 1944

Dopo aver studiato al Liceo Musicale di Torino con G. Bolzoni, si trasferì nel 1893 a Vienna, dove fu allievo di E. Mandyczewski. Fu amico di Brahms, Mahler e soprattutto di Dvořák con cui studiò a Praga e nella villa di Vysoká, derivandone l’interesse per il canto popolare. Rientrato in Italia, intraprese la raccolta delle canzoni piemontesi della collina di Cavoretto (ca. 500 melodie).

La sua opera giovanile è essenzialmente un’opera di assimilazione delle tecniche compositive di origine germanica, l’opera dell’età matura è scritta con grande mae-stria ma anche con un amaro senso di isolamento; Sinigaglia seppe comprendere i mutamenti che andavano stravolgendo il mondo, ma senza adattarvisi a seguirne il passo. Resta la sua colossale raccolta di canti piemontesi che egli armonizzò in piccola parte, e di cui fornì spesso anche versioni corali o per complessi di svariata composizione. Rispetto ai raccoglitori di canzoni popolari del sec. XIX l’opera di Sinigaglia si distingue per l’assoluto rigore filologico, la disponibilità ad accettare i canti così come la tradizione li tramandava, senza stravolgerne le forme.

Ricercato come ebreo, morì all’Ospedale Mauriziano di Torino mentre stava per essere arrestato dalla polizia fascista.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.